Un sistema ancora instabile

Il sistema politico italiano continua ad essere caratterizzato da una elevata instabilità che, ad ogni tornata elettorale, continua a premiare una formazione politica in grado di proporsi come anti sistema, alternativa ai partiti uscenti e/o con forti elementi di discontinuità rispetto al passato.

Come evidenziato dal CISE, l’Italia del decennio 2013-2022 registra la più alta volatilità complessiva con un valore aggregato di 95,05 punti, superiore anche a quello della Grecia nel drammatico periodo 2012-2015 (87,7 punti). 

L’alta volatilità, sommata ad un perdurante instabilità del sistema partitico, apre le porte ad eventuali nuova offerte politiche e rappresenta una sfida per Fratelli d’Italia che dovrà provare a consolidare la grande crescita elettorale (cosa che né Movimento 5 Stelle né Lega sono riusciti a fare). Espansione e consolidamento sono alla base del processo di posizionamento che è dinamico: richiede una capacità di adattamento a cambiamenti del contesto e del sistema di valori e di priorità degli elettori.

Figura tratta da sito CISE LUISS – volatilità elettorale in Italia dal 1948 al 2022.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: